RSS

NeverDead e i suoi protagonisti smembrati

29 Dic

Nuovo action in terza persona sviluppato da Rebellion (gioco che a parer mio è abbastanza bizzarro e divertente).

Il protagonista non è altro che Bryce Boltzmann, cacciatore di demoni che durante lo scontro con il temibile Astaroth viene maledetto e reso immortale di fronte alla morte della propria amata. Questa immortalità però non è tanto un fatto positivo visto che Bryce durante i combattimenti può perdere gli arti, compresa la testa, avendo conseguenze dirette sul gameplay.

Il protagonista ha a disposizione due pistole (in seguito potrà equipaggiare una mitragliatrice) e uno spadone, efficace su alcuni nemici immuni al piombo. Se si evita il contatto con pesci demoni e ragni alabardati le dinamiche offrono solo un classico sparatutto in terza persona senza coperture (non come un Uncharted o un Gears of War quindi).

La cosa divertente e che tutto può essere distrutto tra cui colonne e muri che crollando possono fungere da diversivo per poter togliere un po di vita ai nemici. L’unica cosa che dobbiamo stare attenti sono gli scontri ravvicinati perchè potremmo trovarci nella situazione di non poterci difendere senza le braccia o zoppicare vistosamente se senza una gamba. Diciamo che questo può cambiare le sorti del combattimento stesso. E se nel malaugurato caso si rimane solo con la testa è possibile effettuare una sorta di testata caricata, utile più che altro per scappare via il più velocemente possibile, in attesa della rigenerazione automatica. Inoltre uccidendo i demoni raccogliamo delle anime da spendere per potenziare abilità e comprarne delle nuove (come usare gli arti come granate). Bhè non è poi così tanto uguale agli altri videogame. Se si muore dobbiamo fare i conti con una sorta di minigioco che ci permette di  evitare il caricamento del precedente checkpoint,  Se questo avviene si ritorna in gioco con gambe e braccia al proprio posto.

Per diversificare un po più il gameplay hanno deciso di inserire degli enigmi ambientali per poter proseguire da una stanza all’altra del manicomio abbandonato, in cui ci viene chiesto di utilizzare il corpo per raccogliere esperienza, per raggiungere luoghi o per aprire porte chiuse dall’interno.

Adesso non possiamo fare altro che aspettare e vedere in seguito. Voi che ne pensate?

 
Lascia un commento

Pubblicato da su dicembre 29, 2011 in Ps3, Xbox 360

 

Tag: , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: