RSS

The Witcher 3: Wild Hunt – Tantissime nuove informazioni

21 Mar

Tra dichiarazioni, video gameplay ed immagini molto si è scoperto di questo nuovo The Witcher ma non tutto. La rivista tedesca “Gamestar” ha recentemente pubblicato un corposo articolo nella quale vengono spiegate molte delle cose ancora rimaste celate al pubblico.

the-witcher-3-wild-hunt

Ecco l’elenco:

Gameplay
– 4 livelli di difficoltà presenti (asy, medium, hard e dark)
– Possibile ottenere più soldi dai contratti per i mostri attraverso alcuni minigame
– Anche le side quest sono ben costruite e scritte con bivi percorribili
– Le pozioni diventano necessarie ai livelli di difficoltà più alti. Queste possono essere ricaricate e anche migliorate
– Novigrad e No Man’s Land sono su una singola mappa che è più grande di Skyrim. Le isole Skellige formano un’altra grande parte della mappe e inoltre ci sono anche altre 5 o 6 ulteriori ambientazioni, tra cui Kaer Morhen
– Non c’è respawning dei nemici, se non raramente
– I migliori oggetti devono essere craftati
– Nei dialoghi non ci sono suddivisioni tra scelte “buone” e “cattive”, almeno in maniera non evidente, bisogna scoprire dove portano le scelte
– Il minigioco interno di carte Gwent sembra ben strutturato
– Due grosse città visitabili, Novigrad e Oxenfurt, sono molto vivaci e popolate
– All’interno di No Man’s Land si trovano 25 villaggi, alcuni dei quali di dimensioni parti a Flotsam in The Witcher 2
– Geralt può derubare le persone, anche se il sistema non è pienamente convincente
– Non c’è scaling nel livello dei nemici, quelli a livello più alto sono semplicemente troppo potenti in certi casi
– Le sequenze su Ciri coprono in totale 5-10 ore di gioco e hanno uno stile più simile all’action adventure piuttosto che all’RPG
– È possibile creare più spazio nell’inventario craftando nuove borse per il cavallo
– Tutti gli oggetti equipaggiati sono visibili su Geralt
– Torna il combattimento a mani nude, niente QTE
– Il mondo sembra sempre molto ricco e pieno
– Nessuna fetch quest visibile nella parte testata dalla rivista

Tecnica
– L’HUD è pienamente personalizzabile
– Nessun NPC clone visibile, almeno in base alla rivista
– Il controller sembra più affidabile e comodo rispetto a mouse e tastiera
– Le porte si aprono automaticamente senza pressione di tasti, nessun caricamento all’entrata degli edifici
– Confermata la presenza di una patch del day one – La risoluzione della versione Xbox One dovrebbe rimanere 900p
– La barba di Geralt cresce col tempo
– Passaggio immediato tra controller e mouse e tastiera via menù
– Impressionante il sistema meteorologico
– Piccoli e pochi bug riscontrati, nessun crash
– I setting Ultra su PC hanno grandi effetti sulla qualità della vegetazione e sui modelli dei personaggi
– Nessuna gestione del LOD con slider
– Il gore sembra più accentuato rispetto a The Witcher 2.

Dopo queste dichiarazioni sicuramente l’hype per questo titolo sarà salito a dismisura. Sicuramente ci saranno altre sorprese ad aspettarci e non manca molto ormai alla sua effettiva release.

Vi ricordo inoltre che The Witcher 3: Wild Hunt sarà disponibile il 19 Maggio 2015 per PC, Ps4 e Xbox One.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su marzo 21, 2015 in Pc, Ps4, Xbox One

 

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: